Il Sergente di Heathcliff

22 Feb

sergenteIl Sergente di Heatcliff – Edizioni Damster

Piccola premessa doverosa. Conosco l’autrice personalmente e ne sono un’estimatrice della prima ora, sia di lei che del suo straordinario personaggio, quindi può essere che la mia recensione appaia capziosa, me ne farò una ragione se questo accadrà ma ciò non toglie che quello che penso da professionista della scrittura è che questo e-book sia un compedio perfetto delle cose che più amo in un testo che si definisca erotico: icasticità, passione e lirismo descrittivo. Le scene dipinte da Heatcliff sono vivide e attirano il lettore dentro la spirale delle righe e delle evoluzioni involuzioni del Sergente dei Marines protagonista dei vari episodi. E’ un’operazione realmente complessa quella che si propone di compiere l’autrice con questa saga; descrivere con verosimiglianza e fascinazione i moti del corpo e dello spirito di un maschio che si scopre improvvisamente bisessuale, in modo roccambolesco e violento. Un mondo che fa a pugni con quello che è nel suo quotidiano e che si era creduto. Un soldato. Un ottimo soldato. Heatcliff usa la sensibilità femminile per raccontare un mondo maschile e a mio parere lo fa in modo azzeccato perchè quello che racconta è l’animo femminile , troieggiante e in qualche misura lolitesco del suo protagonista. Se proprio appare necessario, perchè questa a rigore è una recensione critica , trovare un lieve difetto, è ovviamente da riscontrare nella verosimiglianza delle descrizioni dei moti più maschili dell’animo e del vissuto del protagonista, che risentono ovviamente del fatto che a descriverli è una donna, con un forte lato maschile ma comunque donna, e dunque con una modalità reattiva sul piano emotivo comunque diversa.
Nel complesso è un testo di cui raccomando vivamente la lettura a tutti quelli e quelle che pur provando una smodata attrazione anche per il proprio sesso si definiscono etero, chissà potreste scoprire qualcosa!

Annunci

2 Risposte to “Il Sergente di Heathcliff”

  1. heathcliff 24 febbraio 2013 a 02:21 #

    Maya, che ti posso dire se non un gigante grazie?

  2. Heathcliff 24 febbraio 2013 a 21:28 #

    Dimenticavo…adoro la tua definizione di Ace “lolitesco”, rende perfettamente l’idea sia del suo carattere capriccioso e un po’ infantile e del suo modo di provocare un po’ ingenuo, sia dell’attrazione ossessiva che scatena in Chris che è più vecchio di lui di dodici anni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: